Piscine piccole interrate: affascinanti, scenografiche, accoglienti

Le piscine piccole interrate possono adattarsi bene a qualunque spazio esterno piccolo. Questo tipo di piscina è infatti una soluzione che si sviluppa in profondità, senza essere troppo ingombrante.
Le forme e le dimensioni delle piscine interrate possono variare ed essere personalizzate.

La misura minima di una piscina è di 4 m x 8 m e massima di 7,5 m x 15 m. È indispensabile inoltre uno spazio di almeno 1,5 m nella zona perimetrale della vasca per il camminamento e il solarium.

Con una progettazione intelligente, un design adeguato e l’installazione in un punto strategico si potranno realizzare piscine piccole interrate in giardini piccoli o stretti. Senza rinunciare agli optional di una vasca di grandi dimensioni e al divertimento, con effetti scenografici e un giusto equilibrio tra colori e accessori.

Molte piscine da esterno hanno dei giochi d’acqua integrati nel design. In questo modo, attivando questi giochi d’acqua, la piscina avrà un impatto ancora più forte e un effetto molto piacevole anche quando si è seduti sul bordo o si guarda fuori dalla finestra di casa.

Ricordiamo che oltre ad avere questa funzione decorativa ed offrire benefici per la salute, l’installazione di una piscina è un buon investimento che aumenta il valore della proprietà.

  1. Scegli la forma di una piscina piccola interrata

Osserva la forma del tuo giardino e scegli per la tua piscina una forma che rispecchi i contorni dello spazio dove vorresti installarla, in armonia con il resto dell’abitazione e dell’arredamento.
La forma della piscina deve tenere conto dello spazio per il solarium per un accesso comodo alla vasca e per consentire di vivere il bordo della piscina.
Si può disegnare la piscina a partire dal bordo della proprietà facendola espandere verso l’abitazione oppure si può osservare il contorno dell’abitazione e da lì andare verso il giardino.
La piscina quindi potrà rimanere ai bordi del giardino o seguire i confini dell’abitazione.
Il design può fare la differenza. Linee tese e particolari o forme morbide aggiungeranno carattere e personalità all’ambiente.

  1. Valuta gli incastri

Dove collocare la piscina? Si può sfruttare una parete preesistente e creare una piscina ad angolo.
I confini della piscina possono essere delimitati con un muretto che avrebbe funzione di contenimento e di garanzia della privacy, ma anche di creare uno spazio bianco da utilizzare o da decorare e anche per delimitare il giardino stesso.
La piscina dovrebbe avere sempre e comunque a distanza adeguata da tutto ciò che possa ostruire l’irradiazione della luce del sole. Come ad esempio l’ombra della casa o degli alberi, che spesso possono anche influire sullo sporco derivato dal cadere delle foglie. 

  1. La profondità delle piscine piccole interrate

Quando progetti una piccola piscina una delle cose più importanti da valutare è la profondità che determina l’inclinazione del fondo.
Per questioni di sicurezza e comodità ogni gradino deve alzarsi meno di 30 centimetri. Per realizzare i 3 gradini standard la profondità massima dovrebbe essere quindi tra i 90 centimetri e 1,20 metri.
Se mantieni una profondità di 1,20 o 1,50 metri non ci sarà bisogno di altro spazio e la piscina avrà una pendenza adeguata.
Per avere una profondità maggiore di 1,5 metri il fondo dovrà essere più ripido e scomodo.
I benefici di una piscina poco profonda sono numerosi: meno acqua per essere riempita, meno energia per riscaldarla, meno prodotti chimici per pulirla e manutenzione più semplice. 

  1. Sfrutta tutti gli spazi a disposizione

Il giardino può presentare spazi irregolari per la presenza di alberi o per elementi strutturali dell’abitazione.
La piscina potrebbe avere anch’essa una forma irregolare. Con una progettazione attenta si possono utilizzare gli spazi ristretti per recuperare spazio extra per posizionare la scala d’ingresso, una piccola zona idromassaggio o una doccia. Sempre nel rispetto del contesto e con effetti scenografici inattesi.

  1. Il solarium in una piscina piccola

Solitamente il solarium circonda la piscina lungo tutto il perimetro.
Nel caso delle piscine piccole interrate potrebbe non esserci un perimetro completo da utilizzare. In quanto lo spazio a disposizione potrebbe essere limitato dalla presenza di una recinzione, di un muro di contenimento, un’aiuola. O ancora perché lo spazio della vasca ne verrebbe penalizzato.
Si può così disegnare il solarium su un lato solo, quello più comodo per entrare e uscire.
Anche per la piscina piccola vale l’attenzione alla sicurezza e quindi all’utilizzo di un pavimento in materiale antiscivolo per evitare cadute.

Vediamo ora come sistemare la scala!

  1. Sfruttare i gradini della scala

È importante scegliere la scala giusta per la propria piscina. Per poter avere una suddivisione armonica e funzionale tra spazio solarium e vasca, un’interessante soluzione salvaspazio può essere ampliare il primo gradino della scala d’ingresso e creare una zona d’acqua bassa. Sarà come essere sul bagnasciuga della spiaggia dove prendere il sole, rilassarsi e far giocare i bambini nell’acqua bassa.

 

Contattaci per creare una splendida piscina piccola circolare, rettangolare o dai bordi irregolari nel tuo giardino.